Fermare il giudizio

Dalla strada osservo e non vedo nessuno,
entro il locale è vuoto,
ordino qualcosa,
la commessa mi allunga da dietro al bancone la mia ordinazione.
Mi siedo scegliendo il tavolo davanti la vetrina,
guardo fuori.
Il tempo è peggiorato e la pioggia scende copiosa,
la gente quella più fortunata si copre con l’ombrello,
altri presi alla sprovvista camminano velocemente
proteggendosi alla meglio.
Osservo e mi godo questo momento,
non c’è altro da fare.
(Dharma)

(altro…)

La Salute

Comincerò da oggi a pubblicare alcuni estratti della mia ricerca sul Cranio Sacrale Biodinamico. In questo modo cercherò di farvi conoscere questo mondo e le basi su cui si basa.
Il primo argomento che pubblicherò è la Salute, scritta con la S maiuscola e capire perché se avrete la pazienza di leggere tutto l’articolo.

La Salute

(altro…)

Come un Gelato ……

Oggi ho avuto voglia di mangiare una bella coppa gelato e mi son trovato a  cercare una gelateria che mi desse la possibilità di appagare la mia voglia ma la maggior parte delle gelaterie viste erano per consumare in piedi o al massimo seduti in una panchina o nei pochi posti disponibili che nel caso di una buona gelateria sono sempre pochi.

(altro…)

Esplorazione curiosa

Penso che ci siano diverse modalità di esplorazione e indagine del nostro stato corporeo.

La maggior parte delle volte ci arriviamo perché il nostro corpo da bravo sistema intelligente, ci manda dei segnali e quando arriviamo a capire che questa è un’enorme opportunità, cominciamo ad ascoltare e ad esplorare questa richiesta.

Occorre però porre attenzione a come ci si pone in questa osservazione.

Indubbiamente lo scopo principale è quello di risolvere il dolore o il trauma, ma secondo il mio parere, se l’osservazione non è curiosa ma “patologica”, giudichiamo quello che abbiamo, classificando come qualcosa che non dovremmo avere o non dovremmo provare; tutto questo crea distacco, differenziazione, separazione.

Ma non ci può essere separazione perché quello che abbiamo l’abbiamo noi, quello che proviamo lo proviamo noi.

E quindi l’osservazione curiosa è quell’osservazione che non separa ma include ed è solamente da questa osservazione che è possibile spostarsi verso l’integrazione e la guarigione

Risposta del bambino interiore

(Questa lettera è stata di difficile lettura perché un bambino piccolo non sa scrivere molto bene)   Amato Andrea, a volte per molto tempo mi sono sentito solo e all’inizio anch’io ho inventato delle storie e alla fine erano storie tristi e poi
(altro…)

Lettera al bambino interiore


Mio amatissimo Bambino,

ti racconterò una storia, una storia ricca d’avventura, di esplorazione, di amore, di gioia.
Racconta di un bambino come te che guardava curioso il mondo davanti a lui e ha cominciato a sentire il calore del sole, la dolcezza dell’aria che trasportava da posti lontani odori, rumori.

(altro…)

La creatività

Ogni grande Maestro ha parlato della creatività, Osho ne parla dicendo “La creatività non ha nulla a che vedere con qualche attività in particolare – come dipingere, scrivere poesie, danzare, cantare. Non ha nulla a che vedere con qualcosa in particolare.

(altro…)